Immagine del lancio dei Bitcoin nella CBOE - Future in Bitcoin - Rivista Online InRoots

Sono partiti domenica alle 18 (le 24 di lunedì in Italia) gli scambi sui primi future in bitcoin presso il Chicago Board Options Exchange, la più grande piattaforma di opzioni di scambio al mondo & leader nel lancio nel mercato di prodotti innovativi negli Stati Uniti.

L’utilizzo di prodotti finanziari legati ai bitcoin ha segnato un nuovo importante passo in avanti per la criptovaluta, che e’ arrivata a superare il valore di 16.700 dollari.

CBOE - Future in Bitcoin - Rivista Online InRoots

I future in Bitcoin, cosa sono?

future sono un tipo di contratto nel quale un acquirente e un venditore si mettono d’accordo sul prezzo di un determinato bene, che dovrà essere reso disponibile nel futuro, da qui il nome future.

future sono ormai disponibili per ogni sorta di bene, ma solitamente sono impiegati soprattutto nella contrattazione di materie prime come oro, petrolio e cacao.

Comprando un future, quindi, posso scommettere sul rialzo della materia prima o dello strumento: se scelgo un contratto che prevede il rialzo del prezzo tra un mese o tre mesi ma posso anche guadagnare sulla svalutazione di quel bene se acquisto (e azzecco la scommessa verso il basso) invece un contratto che prevede una discesa del prezzo.

I Contratti futures in Bitcoin

I contratti futures nelle prime ore di scambio sono stati poco meno di 2.500, quasi totalmente sulla scadenza del 17 gennaio. Solo una cinquantina di contratti hanno riguardato le scadenza di febbraio e marzo. Tutti i contratti hanno chiuso con prezzi in rialzo, a 18.500 dollari per la scadenza gennaio (in aumento di circa il 20 %), indice che gli operatori si attendono un rialzo delle quotazioni nel prossimo mese.

Il contratto disponibile al CBOE con scadenza al 17 gennaio ha aperto a 15mila dollari per poi raggiungere i 16.660 dollari dopo appena sei minuti di contrattazione, una crescita dell’11 per cento.

Dopo l’entusiasmo iniziale, il prezzo è iniziato a scendere e poi a risalire arrivando fino a un quota stabile intorno 16.000 dollari.

Il traffico sul sito della CBOE nelle prime fasi è stato così intenso da renderlo inaccessibile per 20 minuti dopo l’apertura anche se il circuito degli scambi ha continuato a funzionare regolarmente. (Fonte: ilsole24ore.com)

Lo spettro della bolla

Le banche continuano ad esprimere forti timori e dubbi che risalgono a molto prima dei future in bitcoin legati alla estrema volatilità della valuta digitale, agitando lo spettro di una bolla che potrebbe ben presto esplodere. L’ultima a lanciare l’allarme è la Deutsche Bank secondo cui un tracollo del bitcoin è uno dei principali fattori di rischio per i mercati nel 2018.

 

Conclusione

Immagine di un Bitcoin virtuale - Future in Bitcoin - Rivista Online InRootsAd ogni modo finora la quotazione del bitcoin, pur con alcune notevoli oscillazioni, è salita in maniera vertiginosa. Difficile immaginare che potrà avere un andamento crescente in maniera indefinita. L’arrivo dei future, che di fatto apre il mercato del bitcoin anche ad eventuali forze “ribassiste” , potrebbe quindi disegnare prospettive inedite nella storia finanziaria della criptovaluta.

Per approfondire di più su cosa è il Bitcoin e come funziona: Bitcoin: descrizione di una rivoluzione digitale.