martedì, 2 Giugno,2020
La storia di Matteo Berardi - Il giro del mondo
Avete mai pensato a qual era il vostro sogno da bambini? Io sì e volevo fare l’astronauta. Per raccontare da dove è partita l’idea del giro del mondo bisogna fare parecchi passi indietro, spiegando tutto dal principio, regolando l’orologio della vita indietro di parecchi anni ritornando fino a quando ero bambino. La voglia di evadere e il senso di libertà...

LA MIA STORIA

Mi chiamo Matteo Berardi e sono il Protagonista di questa meravigliosa avventura: Il Giro Del Mondo in 240 Giorni.

Le nazioni che faranno parte del mio viaggio sono 14: Brasile, Argentina, Bolivia, Perù, Colombia, Usa, Canada, Giappone, Australia, Indonesia, Singapore, Malesia, Thailandia ed Egitto.

Ho scelto queste mete perché ognuna di essa mi richiama, sicuramente per motivazioni diverse, a volte diametralmente opposte ma sento di dover andare in quei luoghi perché li ci saranno le risposte che cerco. Andrò da Ovest verso Est, proprio per andare incontro ai climi favorevoli dei vari paesi in maniera tale da viaggiare più leggero possibile. In quest’avventura porterò con me il mio computer per lavorare, la mia macchina fotografica, uno zaino da backpackers dove andrà tutto quello di cui avrò bisogno e un piccolo zainetto che avrò sempre con me quando andrò all’esplorazione.

Clicca qui e leggi la mia storia

SEGUIMI SUI MIEI SOCIAL

2,515FansMi Piace
20,521FollowersSeguici
164FollowersSeguici

LE MIE FOTO SU INSTAGRAM

LA MIA STORIA

Mi chiamo Matteo Berardi e sono il Protagonista di questa meravigliosa avventura: Il Giro Del Mondo in 240 Giorni.

Le nazioni che faranno parte del mio viaggio sono 14: Brasile, Argentina, Bolivia, Perù, Colombia, Usa, Canada, Giappone, Australia, Indonesia, Singapore, Malesia, Thailandia ed Egitto.

Ho scelto queste mete perché ognuna di essa mi richiama, sicuramente per motivazioni diverse, a volte diametralmente opposte ma sento di dover andare in quei luoghi perché li ci saranno le risposte che cerco. Andrò da Ovest verso Est, proprio per andare incontro ai climi favorevoli dei vari paesi in maniera tale da viaggiare più leggero possibile. In quest’avventura porterò con me il mio computer per lavorare, la mia macchina fotografica, uno zaino da backpackers dove andrà tutto quello di cui avrò bisogno e un piccolo zainetto che avrò sempre con me quando andrò all’esplorazione.

Clicca qui e leggi la mia storia